Il Lago della Cava - Inizio della perlustrazione dei canneti - 3° parte

img_0.26242520265784186.jpg

Ma i canneti non ebbero una lunghissima vita, erano perfetti per creare luoghi infrattati dove andare a consumare rapporti sessuali al riparo da sguardi indiscreti, ma le canne non avevano fatto i conti con un fatto, la nostra voglia di creare luoghi per giocare...

Ero ancora il tenera età, quando iniziò una massiccia campagna di disboscamento delle canne, anche se incontrammo non poche difficoltà, perché le canne hanno radici molto profonde e articolate, occorse un grande lavoro per essere certi che non riaffiorassero dopo qualche tempo, anche se avrebbero incontrato anche loro dei problemi oggettivi, perché la nostra opera di progressivo diradamento dei canneti aveva un solo, principale, scopo...

Creare campetti da calcio, era un'universale passione collettiva, che coinvolgeva praticamente tutti i maschietti di quella zona, eravamo parecchi, che portavamo quasi quotidianamente attrezzi nelle zone da trattare con il disboscamento, c'è chi portava una zappa, chi una zanga, chi un rastrello, chi una carriola, fu un lento ma costante lavoro di sottrazione di eliminazione di canne al fine di ottenere una superficie sufficiente per realizzare il nostro sogno, un nostro campetto da calcio, ci vollero mesi e mesi di duro lavoro, che partì più o meno nel periodo primaverile, per finire quasi ad autunno inoltrato, ma alla fine vincemmo noi, i Ragazzi del Lago della Cava, non vi dico che soddisfazione quando facemmo la 1° partitella ufficiale in quell'appezzamento di terreno, che avevamo faticosamente strappato a quella boscaglia intricata...

Non era grandissimo, anche se a me sembrava immenso, a causa della mia età, avrà avuto, nella sua primissima versione, una lunghezza di circa 20-25 metri e una larghezza di circa 10-12 metri, ideale per partitelle 6 contro 6, stile calcetto, ma la nostra sete di calcio era infinita, nella primavera dell'anno successivo riprendemmo, a intervalli più o meno regolari, ad allargare la sede di gioco, fino ad arrivare almeno a una lunghezza doppia rispetto a quella originaria, e con quella dimensioni si potevano quasi organizzare partite vere e proprie...

La creazione del nostro campetto non passò certo inosservata, in quanto dalla primavera successiva anche altre zone di canneto vennero attaccate da altri ragazzini, provenienti da vie limitrofe alle nostre, per cui nel giro di uno o due anni vedemmo realizzati ben 4 campi, tutti limitrofi al Lago della Cava, per un'estensione complessiva superiore ai 200 metri, considerando che utilizzavamo come delimitazione degli stessi campi alcune file di canne, che volutamente vennero lasciate vegetare tranquille...

Non so quanto possa aver inciso quella iniziale opera di pulizia di quelle aree selvagge, poste immediatamente a ridosso del Lago stesso, ma dopo qualche tempo (non ricordo benissimo la successione delle cose) tutte le canne sparirono, per rimanere principalmente sul ciglio del perimetro che circondava il Lago, arrivando in diversi punti a degradare fino al livello dell'acqua stessa...

Furono anni stupendi, arricchiti da tutta una serie di competizioni tra le varie vie che si affacciavano nei pressi del Lago, ma, come ben sappiamo, il gioco è bello finché dura poco, e un qualcuno decise che quella zona, che tanti ragazzi e ragazzini avevano faticosamente ripulito da tutta quella sterpaglia e canneti vari, doveva avere ben altra destinazione d'uso, ponendo fine, di fatto, a tutte le nostre manifestazioni calcistiche, ben presto arrivarono le ruspe, che appianarono definitivamente gli eventuali dislivelli presenti, partendo con la realizzazione di quello che divenne nel tempo il Parco della Cava (io non lo chiamerò mai con il nome che gli venne dato in seguito, a me, di quelle persone, non mi interessa nulla, non riconoscendo il valore di quella entità...)...

Continua...



0
0
0.000
22 comments
avatar

Bellissimo racconto :)
mi ricorda un sacco due libri, il primo ovviamente "I ragazzi della via Pal" e il secondo " La guerra dei bottoni" di Louis Pergaud.
Non vedo l'ora di leggere un altro episodio :))

0
0
0.000
avatar

"I ragazzi della via Pal" lo lessi anch'io, da adolescente, e ci saranno altre parti, nelle prossime puntate, che lo ricorderanno nuovamente, sto parlando di eventi che, almeno in questo simbolico parallelismo, risalgono a 40, 45 anni fa, metà-fine anni '70, per poi procedere anche oltre, nei mitici anni '80, dove ci sarà una sorta di maggiore vicinanza ai giorni nostri...

Grazie della fidelizzazione, onorato di ricevere la tua e la considerazione degli altri utenti...

!BEER
!LUV 1
!LOLZ
!PIZZA

0
0
0.000
avatar

Tu e la bimbetta potreste esservi dunque miracolosamente salvati da adulti pervertiti che i rapporti sessuali li avrebbero voluti con voi, complice il fatto che in insenature del genere nessun'anima viva vi avrebbe sentiti urlare per soccorso😱
E purtroppo il gioco bello dura poco davvero, che figuriamoci se alla classe dirigente gliene infischia dei campetti di calcio se non sono i loro figli a giocarci😡
!PGM
!hivebits

0
0
0.000
avatar

Sent 0.1 PGM tokens to @mad-runner

remaining commands 0

Buy and stake 10 PGM token to send 0.1 PGM per day,
100 PGM token to send 0.1 PGM three times per day
500 to send and receive 0.1 PGM five times per day
1000 to send and receive 0.1 PGM ten times per day

image.png
Discord image.png

Support the curation account with a delegation 10 HP - 50 HP - 100 HP - 500 HP - 1000 HP

0
0
0.000
avatar

Per una discreta parte il tuo ragionamento non fa una piega, abbiamo corso, inconsapevolmente, dei grossi rischi, ma non siamo mai andati di sera in quei luoghi, e non ci siamo mai allontanati più di tanto dalla strada, anche se non ci sarebbe voluto nulla a prenderci, a un paio di persone adulte, e trascinarci maggiormente all'interno di quella selva di canne selvatiche...

Ricordo perfettamente le lacrime che versammo quando le ruspe buttarono giù le porte di legno che avevamo faticosamente costruito, non c'era nulla da fare, il parco doveva essere realizzato, avremmo potuto giocare nel parco, ma non in quelli che erano diventati una sorta di campionati tra le varie vie di quella zona...

!BEER
!LUV 1
!LOLZ
!PIZZA
!PGM
!hivebits

0
0
0.000
avatar

Sent 0.1 PGM tokens to @pousinha

remaining commands 1

Buy and stake 10 PGM token to send 0.1 PGM per day,
100 PGM token to send 0.1 PGM three times per day
500 to send and receive 0.1 PGM five times per day
1000 to send and receive 0.1 PGM ten times per day

image.png
Discord image.png

Support the curation account with a delegation 10 HP - 50 HP - 100 HP - 500 HP - 1000 HP

0
0
0.000
avatar

Breaking news: a pygmy shaman is being pursued by the authorities
That's right be on the lookout for a small medium at large.

Credit: reddit
@pousinha, I sent you an $LOLZ on behalf of @mad-runner
Use the !LOL or !LOLZ command to share a joke and an $LOLZ. (4/6)

0
0
0.000
avatar

Ah, un parco, quindi nulla di industriale o edilizia, come temevo. Un parco, se è grande abbastanza, può avere il suo campo di calcio, calcetto, pallavolo, come c'è nella piazza del mio quartiere che ricorda vagamente un parco. Capisco però il vostro discpiacere, dato che ci avevate lavorato. In ogni caso che hanno ovviato alla pericolosità del posto, giusto? anche affinchè nessuno morisse più affogato.
!luv
!oneup

0
0
0.000
avatar

La zona passò sotto la tutela del WWF, per cui dove avevamo realizzato i nostri campi da gioco non venne mai messo un singolo mattone, ma di campi di calcio, o calcetto, non se ne parlò mai, solo verde e nulla di più, mentre dall'altra sponda del Lago negli ultimi anni hanno costruito dei palazzoni che fanno, letteralmente (passami l'espressione perché rende perfettamente l'idea), cagare il cazzo

!BEER
!LUV 1
!PIZZA

0
0
0.000
avatar

Ed ecco che mi riconosco molto di più in questa parte del racconto, visto che a quell'età, come avevo detto nel commento sotto la precedente parte del tuo racconto, io pensavo, per l'appunto, solo a giocare con gli amici e nulla di più.

Vedo, infatti, che in questo parte del racconto la ragazzina sembra essere scomparsa, ed a prendere il suo posto, ecco apparire dei campetti nei qualipoter giocare a pallone con gli amici.

Decisamente una gran cosa quella che avevate fatto tu ed i tuoi amici, creandovi, dal nulla, una vostra area di gioco all'interno di quei canneti, peccato, però, per come poi sia andata a finire, ma questa cosa non mi sorprende neanche più di tanto, visto che, qualcosa di simile, è successo anche nella mia città, e sono più convinto sia successo un po' ovunque, tanto nel nostro paese quanto in altri.

Purtroppo, quando ci sono di mezzo altri interessi, e soprattutto se ci sono di mezzo dei soldi, figurati quanto si preoccupano gli adulti di lasciare degli spazi ai bambini dove poter giocare tranquilli.

E chi se ne infischia se poi se questi bambini non hanno luoghi dove poter giocare, o trascorrere, comunque, del tempo assieme divertendosi, finendo, magari, con l'annoiarsi, e lasciarsi prendere magari anche dalla depressione, finendo poi magari anche in brutti giri.

!LOL
!PGM

0
0
0.000
avatar

Sent 0.1 PGM tokens to @mad-runner

remaining commands 0

Buy and stake 10 PGM token to send 0.1 PGM per day,
100 PGM token to send 0.1 PGM three times per day
500 to send and receive 0.1 PGM five times per day
1000 to send and receive 0.1 PGM ten times per day

image.png
Discord image.png

Support the curation account with a delegation 10 HP - 50 HP - 100 HP - 500 HP - 1000 HP

0
0
0.000
avatar

Rimase un'area verde, nulla di più di un'area verde, di mezzo ci si mise, fortunatamente per certi versi, il WWF, in quanto venne riconosciuto che c'erano delle falde di acqua fredda che scorrevano nemmeno troppo in profondità che potevano essere compromesse, in caso di costruzioni selvagge...

Peccato davvero per quei campi, certo, quello che realizzarono, a livello estetico, era molto carino, ma quei campi attiravano decine e decine di ragazzini...

!BEER
!LUV 1
!PIZZA

0
0
0.000
avatar

Ovviamente mi dispiace parecchio che vi abbiano tolto tutti quei campetti di gioco, che attiravano parecchi ragazzini, creando dei punti di aggregazione dove, immagino, possano essere nate parecchie compagnie che magari durano tutt'oggi.

Se devo essere onesto, però, se, alla fin fine, quello che è stato creato è un'area verde, diventata Oasi del WWF, ti posso assicurare che ho assistito a scempi ben peggiori, che, magari, vedevano sorgere sui luoghi, dove, prima, noi ragazzini si poteva giocare tranquilli, Palazzi, fabbriche o negozi.

Tra le due situazioni, quindi, se non altro, preferisco l'area verde gestita dal WWF

!PGM
!LOL

0
0
0.000
avatar

Bella storia! Un "centro sportivo" così, vicino a un lago, dove vai quando vuoi e sai che puoi giocare, autogestito, naturale... È il desiderio di ogni ragazzo che abbia avuto questo innato istinto di rincorrere un sogno... a forma di pallone!

0
0
0.000
avatar

Il centro sportivo effettivamente nacque a pochissima distanza da quegli originari campetti, il vero problema fu il fatto che il tutto avvenne a distanza di decenni, perdendo quell'originario spirito di aggregazione che ci aveva meravigliosamente accumunato...

!BEER
!LUV 1
!PIZZA

0
0
0.000
avatar

@mad-runner che fine ha fatto la bimba? Non l' avrai mica affogata pur di scappare dalle sue grinfie?!

È un vero peccato che poi sia arrivata la bonifica a togliervi ciò che faticosamente vi eravate creati!!!

Immagino quanto ci siate rimasti male! Soprattutto dopo la gran fatica che avevate fatto!!!

Ma intanto agli adulti non importa nulla dei bambini, pensano solo al loro interesse economico!

È veramente un peccato che alla fine hanno cancellato tutte le vostre fatiche!!!

!hivebits
!PGM

0
0
0.000
avatar

La bimba purtroppo se ne andò in un'altra zona della mia città (periferia esterna), e devo dire purtroppo, perché all'epoca avevamo poco più di 10 anni (precisamente 10 anni e mezzo), iniziavo a reggere il suo impatto emotivo, nel senso che ogni tanto ero io che la cercavo, avevamo purtroppo smesso di giocare al dottore (in quel momento ero io che volevo farle la puntura...), lei mi diceva che sarebbe stata ora di fare giochi più importanti, non ero assolutamente pronto ma fino a darci qualche bacetto, a volte sulle labbra, ci arrivavo senza problemi, ogni tanto ci toccavamo, appoggiati le mani un po' ovunque, devo dirti che l'imbarazzo stava sparendo, e mi piaceva sempre di più, per avendo mille remore (e ci mancherebbe altro) ad andare più avanti, è stato un vero peccato perderla di vista perché passarono secoli prima di ritornare a fare discorsi del genere con altre ragazze...

Quando le ruspe iniziarono a fare il loro maledetto lavoro, più di uno di noi si mise a piangere, dalla rabbia, dalla disperazione, dallo sconforto, ma non potevamo fare nulla, perché era stato deciso così, i nostri genitori ci spiegarono e rispiegarono la motivazione ma era troppo duro accettare serenamente quello che stava succedendo...

!BEER
!LUV 1
!LOLZ
!PIZZA

0
0
0.000
avatar

Lo immagino anche a me avrebbe alquanto roduto!!!!

0
0
0.000