Have we really reached the point of no return?

The photos of at least two members of the US government are running online and on social media profiles who for Christmas have decided to take a rather special souvenir photo: family unit, therefore also minors, who take up real weapons, all smiling, posing next to the Christmas tree. A strong and inappropriate message, in a country where the number of minors killed by firearms is constantly growing and only a few days after the umpteenth tragedy of weapons in the US, with five teenagers killed at school by a fifteen-year-old friend.

woman-gd9b06d251_1280.jpg
Source


There is something really horrid about it, so blatantly advertising weapons as a gift idea is something disconcerting. On the other hand, I understand that certainly behind those images there is a political movement, the powerful lobbies that often finance the electoral campaigns of the politicians themselves or want to conquer a large slice of the electorate.

In the USA, having a gun is not very difficult: the age limit is 16 and you can go to any authorized shop to buy a pistol or a rifle, without demonstrating any certificate of suitability or authorization issued by any specific body. . As easy as shopping.

The do-it-yourself law or self-defense, although sometimes it can be a means of protecting oneself and one's family in particular areas or replacements, on the other hand throws the population into a small far west where suddenly someone shoots and those bullets are real and cause pain, blood and death.

In Italy it is much more difficult to obtain a weapon such as a pistol or a rifle, it is necessary to carry out several tests, interviews, obtain a license that authorizes the person to own a weapon. It is not possible to buy them in quantity. Of course, although this may be a positive aspect, crime somehow manages to procure a weapon from the black market, but the cases are obviously limited.

The difficulty of finding weapons does not mean that violence is blocked but at least limits those episodes of massacres in schools, places where every boy or child deserves to be safe, a place where the hope of having a better future is cultivated and which more and more often becomes a slaughterhouse. Unfortunately it is also difficult to educate people in the correct use of weapons, having a weapon in your hands I imagine can convey a sense of superiority, omnipotence and this can easily distract clarity in a weak mind or clouded by other unstable thoughts.

But I certainly believe that weapons should absolutely not be associated with children or teenagers, it is really an offense to all those children who are victims of firearms or who have never wanted to hold a weapon in their hands and yet they are forced to do so. , the risk is one's own survival.

We have reached a worrying standard level: many unhealthy things are now considered normal and this is a clear sign of the involution that our society is experiencing.

Have we really reached the point of no return?

ITA

Stanno girando in rete e sui profili social le foto di almeno due esponenti del governo USA che per Natale hanno deciso di fare una foto ricordo abbastanza particolare: nucleo famigliare, quindi anche minorenni, che imbracciano armi vere, tutti sorridenti, in posa accanto all'albero di Natale. Un messaggio forte e inappropriato, in un paese dove i minorenni morti per arma da fuoco sono in continua crescita e a solo pochi giorni dall'ennesima tragedia delle armi negli Usa, con cinque teenager uccisi a scuola da un loro compagno quindicenne.

C'è qualcosa davvero di orrido in tutto ciò, pubblicizzare in modo così evidente armi come fosse un'idea regalo, è qualcosa di sconcertante. Capisco d'altro canto che sicuramente dietro quelle immagini ci sia un movimento politico, le lobby potenti che spesso finanziano le campagne elettorali dei politici stessi o si vuole conquistare un'ampia fetta dell'elettorato.

In USA avere un'arma non è molto difficile: il limite d'età è 16 anni e tu puoi andare in qualsiasi negozio autorizzato a comprare una pistola o un fucile, senza dimostrare alcun certificato d'idoneità o autorizzazione rilasciata da un qualsiasi ente specifico. Facile un po' come fare la spesa.

La legge fai da te o l'autodifesa, sebbene a volte possa essere un mezzo per proteggere se stessi e la propria famiglia in particolari zone o sostituzioni, d'altra parte getta la popolazione in un piccolo far west dove all'improvviso qualcuno spara e quei proiettile sono veri e provocano dolore sangue e morte.

In Italia è molto più difficile ottenere un'arma come pistola o fucile, è necessario effettuare diversi test, colloqui, ottenere un patentino che autorizzi la persona a detenere un'arma. Non è possibile acquistarne in quantità. Certo, sebbene questo possa essere un aspetto positivo, la criminalità riesce in qualche modo a procurare arma dal mercato nero, i casi però sono limitati ovviamente.

La difficoltà di reperire le armi non significa che la violenza sia bloccata ma limita quantomeno quegli episodi di stragi nelle scuole, luoghi in cui ogni ragazzo o bambino merita di essere al sicuro, un luogo in cui si coltiva la speranza di avere un futuro migliore e che sempre più spesso diventa un mattatoio. Purtroppo è anche difficile educare la gente al corretto utilizzo delle armi, possedere un'arma tra le mani immagino possa trasmettere un senso di superiorità, onnipotenza e ciò può facilmente distogliere la lucidità in una mente debole o offuscata da altri pensieri poco stabili.

Ma di certo io ritengo che le armi non debbano assolutamente essere associate a bambini o ragazzini, è davvero un'offesa a tutti quei bambini vittime di armi da fuoco o che non hanno mai voluto stringere un'arma tra le mani eppure sono costretti a farlo, il rischio è la propria stessa sopravvivenza.

Abbiamo raggiunto un livello standard preoccupante: molte cose insane sono ritenute ormai normalità e ciò è un evidente segno dell'involuzione che la nostra società sta vivendo.

Abbiamo davvero raggiunto il punto di non ritorno?



0
0
0.000
20 comments
avatar

Beh, gli americani non sono estranei a sparate del genere...scusa il gioco di parole.
In fondo per molti l'importante è che se ne parli...bene o male non importa.

!LUV

0
0
0.000
avatar

Già, però porca miseria la foto di famiglia con fucili e armi d'assalto... Accanto all'albero di Natale, un simbolo di amore e pace

0
0
0.000
avatar

Ma infatti come te sono tra quelli che non condividono e che rimangono basiti davanti a un fatto del genere... cioè, albero di natale o no, armi in mano a dei bambini si possono mettere soltanto per provocazione, per sensibilizzare qualcuno verso qualcosa.
Cioè, se il messaggio fosse stato proprio quello di fare capire alle gente che nel mondo ci sono bambini obbligati a combattere e ad usare armi, allora ok, ma dubito sia questo il messaggio

0
0
0.000
avatar

Non c'è niente da fare... Loro sono guerrafondai di natura, ce l'hanno nell'anima! Per loro la pace la si puo' raggiungere solo cn la guerra

0
0
0.000
avatar

Leggendo queste tue parole mi è tornato in mente un episodio di un podcast di True Crime che ascolto su Spotify. Parlavano del massacro alla scuola Columbine negli anni 90.
Inutile fare finta che, chi spara, non abbia problemi psicologici, ma sicuramente la facilità con cui degli adolescenti bullizzati riescano a procurarsi armi da guerra ed entrare in una scuola ammazzando professori e compagni.

Purtroppo si sente sempre più spesso parlare di persone che perdono la testa e fanno stragi... E forse i politici come quelli di cui scrivi, dovrebbero prendersi le responsabilità di ciò che dicono e fanno.

0
0
0.000
avatar

Quando le lobby delle grandi aziende che producono armi, ti pagano la campagna elettorale, non vi è alcun senso di responsabilità da parte loro. Il denaro genera dei mostri

0
0
0.000
avatar

Non solo il denaro, ma anche il potere. Essere in cima alla catena decisionale ti trasforma in mostro esattamente come il denaro. Anche se le due cose vanno a braccetto e non esistono l'una senza l'altra

0
0
0.000
avatar

Partiamo dal presupposto che per noi italiani, capire gli americani (quelli degli Usa ... E getta...) È sempre problematico. Hanno un modo di vedere le cose e di ragionarci sopra differente. Vuoi per questioni di cultura, vuoi per questioni di ideologismo. A volte anche concetti base sono completamente differenti.
La questione armi, già il solo fatto che ci sia una lobby per noi è strano, quando qui da noi a malapena se ne parla di fabbriche che ne producono.
Basti pensare ai conflitti, dopo la seconda guerra mondiale l'Italia ha deciso di non dichiarare guerre (appoggia determinate situazioni) magari non sempre raggiungendo lo scopo prefissato, ma riflettendoci già solo quell'articolo della costituzione vale oro per la nostra cultura. Loro? Quante ne hanno dichiarate nel mentre?
Detenere armi richiede responsabilità e capacità per noi, è ancora più complicato per chi ne eredita da qualcuno che avesse un porto d'armi, dove anche per rimuoverle da un posto e spostarle in un altro serve comunicare alle forze dell'ordine se non addirittura richiedere il loro intervento.
Per loro queste cose forse sono inconcepibili, tutta questa burocrazia la considerano inutile e sopravvalutata, ma su argomenti delicati sarà sempre difficile farli ragionare e fargli capire i nostri ragionamenti.

0
0
0.000
avatar

Ieri ho inavvertitamente cancellato un mio commento che avevo quasi finito di rilasciare, ora esprimo nuovamente alcuni concetti, tanto più o meno i discorsi me li ricordo perfettamente...

Non mi è piaciuto per nulla quello che ho visto in TV o sul web, con tutte quelle foto con l'allegra famigliola americana che imbraccia fucili di ogni genere e il sorriso stampato in viso, la loro leggerezza nell'argomento armi è semplicemente allucinante, non approvo assolutamente l'uso delle armi in strada, così pure tutte quelle armi automatiche che utilizzano, per me è un ok alle armi, o meglio, ok all'uso della pistola ma limitatamente dentro alla propria abitazione, unicamente a scopo di legittima difesa, e dentro la propri abitazione non esiste l'istituto, bamboccio e del tutto fuori luogo, dell'eccesso di legittima difesa, se un ladro entra in casa nostra deve essere carne da macello, perché lui non è stato invitato da nessuno, lui non sappiamo che intenzioni abbia, lui non sappiamo se ha un'arma o meno, lui, innanzitutto, non lo abbiamo invitato e non lo vogliamo in casa, va rimosso, con tutti i mezzi possibili, compresa un'arma, e i giudici devono andare a cagare, loro e i loro processi del cazzo a chi, per difendersi in casa propria da intrusioni altrui, spara e fa fuoco...

In strada zero armi, zero, chi gira con le armi in strada va messo in galera immediatamente, e per difendersi in casa propria, basta e avanza una semplice pistola, niente armi automatiche, niente carabine di precisione, perché non servono a nulla...

!BEER
!LUV 1
!LOLZ
!PIZZA

0
0
0.000
avatar

Anche io sono favorevole al legittimo possesso di pistole in casa anche se poi uccidi un malvivente che trovi dentro casa, alla fine è sempre colpa tua. Però i bambini con le armi, no. È davvero orribile

0
0
0.000
avatar

Sono perfettamente d'accordo, le armi solamente ai maggiorenni, con regolare porto d'armi, fortemente limitato all'uso in casa propria, in strada non si porta nulla, mai, e i bambini neanche per scherzo le armi in braccio...

!BEER
!LUV 1
!LOLZ
!PIZZA

0
0
0.000