What We Do in The Shadows: che delizioso mockumentary! - part 2

in Olio di Balenalast month

Vi è una sorta di parresia costante dei protagonisti che scivola su noi spettatori con una vena di amarezza che scorre fra le divertentissime gag messe in scena episodio dopo episodio.

Il distacco di Nandor, Laszlo, Nadia e Colin Robinson dal genere umano, permette loro di parlare, e di parlarci, francamente senza avere mai esitazioni o peli sulla lingua.

Il ruolo di Colin Robinson nella serie, apparentemente defilato, è forse quello che offre maggiori spunti di riflessione.

Lui, un emotional vampire, si aggira nei luoghi per noi "normali" per succhiare la linfa vitale, per prosciugare il residuo entusiasmo che alberga nei dipendenti di multinazionali, nei pubblici uffici, in chiunque stia buttando alle ortiche la propria vita in nome di un post più o meno fisso, un reddito più o meno minimo, spinto dalla sopravvivenza e l'apatia più che dalla volontà e dalla passione.

Un Vampiro Emozionale come Colin ha vita facile in questi luoghi e la dinamica che ci viene mostrata ci diverte ma ci induce anche a riflettere sulla nostra condizione.

La serie è completamente circondata di momenti esilaranti ma è grazie ad ognuno dei suoi personaggi che riesce a divertire in modi differenti e a scavare a fondo nella nostra società, in maniera differente.

Nandor rappresenta l'uomo nostalgico, inetto, se vogliamo anche tenero ma che è avulso dalla realtà che lo circonda. Nandor è un uomo fuori dal proprio mondo e per contrasto fa emergere quelli che sono gli uomini che immersi nel proprio mondo, nel proprio contesto, sembrano spaesati e smarriti come lui, in cerca di un guizzo, di un brivido, di un'identità.

Laszlo è il più guascone di tutti e anche quello che meglio si adatta alla sua condizione, spesso fregandosene dei costumi e delle situazioni a cui dovrebbe plasmarsi ma riuscendo meglio di tutti a mimetizzarsi, spesso goffamente, e sentirsi parte di ogni tempo da lui vissuto. L'episodio in cui si "trasforma" in Jack Daytona è una perla rara che tutti i fan della serie sicuramente ricorderanno.

Nadia è la spalla femminile che aggiunge quel tocco di sana distrazione, di perturbazione alle scorribande del suo amato Laszlo, pronto a tradirla continuamente ma a farla sentire a casa e desiderata in ogni dove. Il loro stare insieme è la vera ancora che, nel buio delle loro bare, li tiene uniti alla dimensione terrena a cui sono relegati.

Sono tante le guest star che sopraggiungono a minare l'equilibrio del gruppo, ognuna identitaria di una minoranza settaria che gli autori vogliono bersagliare in modo da contribuire all'analisi complessiva della società contemporanea.

E' inutile dire che aldilà della spietata e brusale disamina sull'oggi, a tenere alta l'attenzione è la parte comica della serie, componente che non potrebbe essere altrettanto efficace senza la presenza di Guillermo, il "famiglio" di Master Laszlo.
image.png

Guillermo è l'unico protagonista a non essere un vampiro. E' un ragazzo ispanico (dettaglio non casuale e indicativo di quale sia la "figura" sociale da colpire e affondare) che sogna di diventare un vampiro.

La sua riverenza, fedeltà e lealtà nei confronti del padrone è encomiabile.

Ragazzo professionale e attento, è lui ad occuparsi di tutte le mansioni che spetterebbero ad un normale badante/magiordomo/curatore di una qualunque casa padronale. La sua lealtà è figlia di un preciso sogno: diventare un vampiro a sua volta.

Lo scorrere del tempo, la consapevolezza che le promesse del padrone potrebbero non essere mai rispettate, inizieranno ad instillare un dubbio nella testa di Guillermo che lo porterà ad essere sempre più scontroso, ribelle e irriverente ma al tempo stesso legato al gruppo che da anni lo sfrutta, lo vessa, lo ignora (e ancora una volta queste dinamiche potrebbero ricordare quelle che ogni laureato sfruttato, operaio malpagato, commesso umiliato, vedrà come familiari).

Il suo percorso è quello più aperto e più burrascoso e occuperà uno spazio sempre più importante nell'economia della serie.

What We Do In The Shadows è, insomma, una vera gemma, è un prodotto di cui pensavi di non aver bisogno e di cui invece non potrai più fare a meno.

Prendere quel contesto li, cosi di nicchia, cosi poco mainstream e incanalarlo in un genere poco conosciuto come il mockumentary, piazzandogli dentro una comicità molto forte, molto spinta rendendo piacevole e divertentissimo questa esplorazione di un sottomondo vampiresco che mette a nudo il nostro di mondo, rendendo, contestualmente, vulnerabili esseri potenzialmente eterni come Colin, Laszlo, Nadia e Nandor.

Un prodotto geniale, che forse vi spiazzerà all'inizio ma che poi diverrà familiare e vi riempirà di soddisfazione e affetto per questi strambi ma deliziosi personaggi.

Trama: 8
Sviluppo Personaggi: 8
Complessità: 7
Originalità: 9
Cast: 6
Impatto sulla serialità contemporanea: 7+
Componenete Drama: 5
Componente Comedy: 9
Comparto tecnico: 6
Regia: 6
Intrattenimento: 9
Coinvolgimento emotivo: 7
Soundtrack: 6+

https://www.serialfiller.org/post/what-we-do-in-the-shadows-un-mockumentary-vampiresco-targato-fx

Follow me

WEBSITE

www.serialfiller.org

INSTAGRAM

https://www.instagram.com/nellamentediunserialfiller/

TWITTER

https://twitter.com/FillerSerial

FACEBOOK

https://www.facebook.com/Nella-mente-di-un-SerialFiller-112405587217122/

Life isn't a train. It's a shit tornado full of gold..png