La quarantena con le farfalle

in hive-146620 •  2 months ago 

Chi lo avrebbe mai detto che un giorno la mia casa delle farfalle sarebbe stata vista con invidia e ammirazione e non solo come il rifugio di una matta a cui piacciono particolarmente le farfalle.
Ci voleva una pandemia per permettere alla gente di capire quanta libertà ci fosse in questo posto cosi pieno di vita e colori.
Mentre loro ammattivano giorno e notte nei loro bilocali da 50 metri quadri, magari con figli al pc intenti a fare lezione, con il divano come ufficio ed il soffitto come nuovo cielo, io trascorrevo gran parte del giorno qui, nella mia amata casa delle farfalle.
Ho trascorso la maggior parte del tempo a riflettere.
Su tutto.
Me stessa.
Il mio passato.
Il mio futuro.
I tempi della scuola.
I momenti con le amiche.
I momenti di solitudine.
I viaggi.
La sedentarietà.
L'infanzia.
L'adolescenza.
La maturità.
La mezza età.
Ad un certo punto ho deciso di prendere appunti e iniziare a prendere nota delle mie riflessioni.
image.png

Non ho voglia di scrivere un altro "diario dalla quarantena".
Ne ho visti talmente tanti sui social che ho la nausea.
Non sarò una di quelle persone che lucreranno su questa tragedia.
Sarà un diario che terrò per me e che a mente fredda rielaborerò.
Lo farò cercando di isolare i concetti migliori e farne un progetto.
Un app, un locale, una start up, un ente, un sito web.
Non so.
Partirò da qui, cercando di non perdere quanto fatto.
Magari un giorno la gente inizierà a vedermi per quella che sono, non solo per la matta che ama le farfalle.
Si sono ricreduti su questo, potrebbero ricredersi anche su altro no?
Sperando che non ci voglia un'altra pandemia per sortire questo effetto...

Authors get paid when people like you upvote their post.
If you enjoyed what you read here, create your account today and start earning FREE STEEM!